ALEX CANZIANI, LA FORZA DELLE ESPRESSIONI

Alex Canziani, la forza delle espressioni.

Alex Canziani è un pittore con una forte predilezione per il mondo femminile, capace di catturare le emozioni delle donne del nostro tempo, per regalarle all’infinito.

di Pasquale Di Matteo

Alex Canziani è un artista di origini emiliano lombarde.

Cresciuto sotto la prepotente influenza di quello che fu il periodo musicale e culturale del “Glam-Rock  britannico”, la sua maturazione assume forme forgiate dalla passione per il camaleontico David Bowie e dall’attenzione per la pop art di Andy Worrol.

Anche alcuni autori letterari hanno influenza nella crescita di Alex Canziani in qualità di artista, primo fra tutti Oscar Wilde.

All’età di 13 anni, Alex Canziani partecipa a un concorso organizzato dal museo “Pagani” di Castellanza, in collaborazione con la contrada cittadina Legnanese di San Domenico, sulla realizzazione di opere eseguite in estemporanea sull tema “pittura madonnara”, aggiudicandosi il secondo premio, ottima spinta per le ambizioni artistiche del giovanissimo Alex.

Dotato di un’ottima mano, l’artista bergamasco è particolarmente attento ai volti femminili, che riesce a immortalare in mille espressioni diverse.

CANZIANI OPERE ALBATROS

Proprio la capacità di esaltare, di rimarcare certe espressioni, proiettandole in una dimensione senza tempo, è la caratteristica che identifica Alex Canziani, dandogli un timbro inconfondibile.

Attualmente, l’artista espone in show room nel centro di Bergamo, in via XX settembre.

Collaborazioni di Alex Canziani

  • Alcune opere di restauro per conto della Dr.sa Jardini, con la quale ha collaborato anche per l’arredo ed il design delle stanze a tema fiabesco dell’Hotel “Maison Moschino” laddove fu la vecchia stazione neoclassica di Milano.
  • Direzione lavori di restauro delle facciate storiche dell’epoca fascista dell’universita’ Politecnico di Milano in piazza Leonardo Da Vinci nel 2012/2013.
  • Collaborazione ed esposizione di alcune opere durante il “fuori salone del mobile”, edizione 2014, presso lo stand “Design of love”.

Critiche all’artista

Di Orazio Vancheri:

“La luce irrompe, come per incanto, nel mondo di Alex Canziani, determinando il manifestarsi di creature che, all’apparenza, sembrano irreali o surreali, ma, in realtà, sono materialmente vive e presenti nell’onirico dei nostri pensieri.

La figura femminile, prediletta dall’artista, si erge ora timida ( BIG EYES), ora spavalda e impertinente (PALAHNIUK INFLUENCES #2 – SEX + BOMB) nell’ambiante che la circonda, ricordandoci che quella ragazza o donna l’abbiamo già vista, incontrata o sognata.

L’omaggio alla figura femminile prosegue quando l’artista dipinge la sua scarpetta pervasa da una miriade di farfalle che fanno a gara per inebriarsi di quell’oggetto (BUTTERFLY, GIRLS LOVES HIGH HEELS).

Alex Canziani raggiunge l’apice nell’opera A Kind Of Zen, la seducente e languida femminilità della Geisha, la sua bellezza senza limiti, lo sguardo sognante, la bocca appena socchiusa pervadono l’opera, facendo passare in secondo piano il bouquet di fiori.

La bellezza infinita è tutta lì.

L’arte di Alex Canziani si intrinseca con altri studi che hanno per oggetto, oltre alla figura femminile in sé, la caratterizzazione delle espressioni marcate e decise.

Questo esame introspettivo viene abilmente condotto dall’artista, riuscendo a far trasparire le sensazioni di ciascuna personalità che vengono riversate sulla tela con pochi gesti.

Come per naturale evoluzione stilistica, commisurata e influenzata dall’epoca che stiamo vivendo, l’artista ha sintetizzato la Valentina di Guido Crepax nelle sue figure, COCO, PALAHNIUK, BOWIE AGAIN, LOVE ON CANVAS, rendendole stilisticamente più crude e dirette, per separarle da quel romanticismo caratteristico del fumettista.

Il mondo dell’arte può paragonarsi a una catena montuosa irta di ostacoli da superare, spesso in solitudine.

L’artista Canziani ha iniziato la sua ascesa in solitaria e, ogniqualvolta si gira indietro, può, con grande soddisfazione, constatare di aver già creato delle opere che lo avvicinano sempre più alla vetta.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...