SEMI PERSONALE CON SGARBI ALLA GALLERIA ALBATROS

Semi Personale con Sgarbi alla Galleria Albatros.

Nella giornata di mercoledì, 7 novembre 2018, il Professor Vittorio Sgarbi ha visitato i suggestivi locali della Galleria Albatros di Parma, luogo in cui il noto Critico d’Arte è ormai ospite abituale.

di Pasquale Di Matteo

Il professor Vittorio Sgarbi è senza dubbio un personaggio mediatico tra i più famosi in Italia.

Noto politico, focoso opinionista, nonché celebrato seduttore, Sgarbi è, tuttavia, riconosciuto come uno dei Critici d’Arte più qualificati e di maggior pregio del nostro Paese.

E, proprio come una star, Vittorio Sgarbi si è fatto attendere per circa mezz’ora rispetto all’orario convenuto per la visita alla Galleria Albatros di Parma, il suggestivo luogo di arte e di cultura gestito dalla pittrice Katarzyna Maria Laciak e dal marito, il Direttore Artistico, Luigi Bianchi, nel centro della città emiliana.

Malgrado la fama di iracondo che accompagna il personaggio mediatico Sgarbi, quando, alle sedici e venti, il professore si avvicina all’ingresso della galleria, dispensa sorrisi sinceri alla moltitudine di persone in attesa del suo arrivo, non disdegnando strette di mano e saluti per tutti, dimostrando il suo lato reale, umano, e non quello mediatico.

Ai giornalisti di una emittente televisiva locale, il Professor Sgarbi spiega che è sempre felice quando ha la possibilità di far visita alla Galleria Albatros, perché si tratta di un luogo ch’egli definisce fuori dagli schemi, dove “…Tutto sembra, fuorché una galleria d’Arte… Piuttosto, assomiglia a una balera degli anni ’60, in cui puoi trovare colori e generi mescolati insieme, apparentemente senza senso, come in un manicomio. Ma, proprio per questo, la Galleria Albatros è un luogo vero, genuino, dove gli artisti possono sentirsi a casa, così come si sente a casa chi viene ad ammirare le opere esposte in queste sale dai colori cangianti, e dove ciascun pittore possiede davvero la libertà di esternare ciò che ha dentro”.

sgarbi in Galleria Albatros Parma

Attorniato dalla folla accorsa per ascoltarlo, Vittorio Sgarbi si ferma ad osservare il catalogo in cui viene presentata la Mostra  Semi Personale di sei artisti della Galleria Albatros, gettando sguardi fugaci sulle opere originali appese alle pareti.

Tra scambi di battute simpatiche con i proprietari della galleria e riflessioni sull’unicità della proposta del progetto Albatros, Sgarbi valuta positivamente il lavoro delle pittrici Daniela Bussolino, Barbara Marchi, Maria Grazia Passini, Clara Golinelli e Anna Bellinazzi, le quali, afferma, meriterebbero spazi più ampi e personali per far risaltare le meritevoli opere.

Di Daniela Bussolino esalta la poesia delle sue proposte romantiche, mentre di Barbara Marchi sottolinea il talento di una pittura materica originale.

Di Maria Grazia Passini, invece, apprezza particolarmente le opere pittoriche, rispetto alle sculture presentate dall’artista, così come esprime apprezzamenti per i colori forti che rappresentano Anna Bellinazzi anche nella vita, oltre che nei suoi lavori onirici.

Di Clara Golinelli parla come di una pittrice legata alla genuinità di una pittura più tradizionale, più vicina all’arte moderna rispetto a quella contemporanea, ma non per questo meno affascinante.

Il professore non manca di sottolineare il dato significativo del fatto di trovarsi di fronte a un evento i cui protagonisti sono cinque donne e un solo uomo, a testimonianza di come la donna si sia emancipata e a tal punto liberata da poter dare prepotentemente voce a ogni tipo di pulsione, attraverso l’Arte.

Infine, Sgarbi si definisce sorpreso dalle opere di Mario Pratesi, l’unico maschio di questa Mostra Semi Personale, che il professore definisce le più significative tra quelle esposte.

A causa di problemi personali, il pittore fiorentino ha mandato a rappresentarlo sua moglie, alla quale Sgarbi spiega che “… Mario Pratesi è un pittore tormentato, nevrotico e dolente, il cui disagio emerge chiaramente attraverso un’inventiva pura e scatenata”.

Una critica indubbiamente positiva che non manca di provocare emozione sul volto della moglie del bravo Mario Pratesi.

Conclusa l’introduzione per la Mostra Semi Personale, il Professor Sgarbi non si è sottratto alle richieste di foto e autografi.

Inoltre, ha trovato anche il tempo per visitare tutte le altre sale della Galleria Albatros, dispensando giudizi sinceri sulle opere di alcuni artisti presenti all’evento.

Dopo un brindisi con i padroni di casa, Katarzyna Maria Laciak e Luigi Bianchi, intorno alle diciotto, Vittorio Sgarbi ha salutato i presenti , già in attesa della prossima visita.

Un pensiero riguardo “SEMI PERSONALE CON SGARBI ALLA GALLERIA ALBATROS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...