IL MOVIMENTO SURREALISTA

Il movimento surrealista

Il gruppo di artisti che si formò nei primi anni venti del secolo scorso a Parigi era accomunato dal disprezzo per la società borghese, materialista, la cui ingordigia aveva gettato le basi che avevano scatenato la Prima Guerra mondiale.

di PDM

Nella Parigi degli anni venti del secolo scorso, la società borghese era vittima di una paranoica ricerca del lusso, ciecamente fedele al progresso scientifico, schiava di una degenerazione di valori che metteva in discussione l’uomo e la sua essenza di essere umano, di persona.

Già i dadaisti si erano scagliati contro tale deriva culturale, ma fu con il Surrealismo che la denuncia del naufragio della società borghese assunse toni organizzati e non più anarchici, solitari.

Fu André Breton a guidare il movimento surrealista, contribuendo a trasformare la denuncia pittorica in qualcosa di più grande, che trascendesse l’arte per proporre un cambiamento ch’egli riteneva urgente e sempre più necessario, un cambiamento che doveva coinvolgere molteplici aspetti del vivere, per giungere a un risveglio delle coscienze, condizione necessaria per invertire la rotta del naufragio e della perdita dei valori.

Per lo sviluppo di questa visione filosofica della società di allora fu fondamentale l’influenza del lavoro di Sigmund Freud, le cui ricerche sul potere e sui messaggi del sogno colpirono diversi personaggi influenti dell’epoca, compreso Breton.

Non a caso, Breton e il movimento surrealista affrontarono di petto una società sempre più convinta dei traguardi del progresso e dell’egemonia dell’uomo forte, del Super Io, partendo dalla liberazione dell’Inconscio, fino ad allora posto in un angolo nascosto dal razionalismo, dall’egemonia della Scienza sul libero pensiero.

Breton, che lavorava in qualità di medico presso il reparto di Neurologia dell’ospedale di Nantes, dedicò molta attenzione ai sogni, soprattutto delle persone con disturbi psichici, un lavoro che lo portò all’elaborazione di scritti sempre più liberi e svincolati dalla razionalità.

Partendo dalla letteratura, il movimento surrealista fu portato avanti attraverso le arti figurative, la poesia, fino a trasformarsi in una filosofia applicata a molti aspetti della società.

surrealismo in Albatros Parma

In campo pittorico, ne furono esempi alcuni grandi maestri, che hanno scritto pagine di Storia dell’Arte, tra i quali: De Chirico; Picasso; Dalì; Delvaux; Ernst; Mirò.

In un prossimo articolo analizzeremo la Pittura e i mondi di questi maestri che hanno condizionato non soltanto la Storia dell’arte, ma anche interi settori della società per alcuni decenni.

Un movimento, quello surrealista, la cui denuncia e i cui fondamenti trovano nuova linfa nella società consumista del nostro tempo.

Albatros Gallery Parma, Strada XXII luglio, 18/a, Parma – Tel.: 0521 060435

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...